Regolamento

aggiornato il 3 Maggio 2017

Art.1

 La Scuola dell’ Infanzia

“ARCOBALENO DEI BAMBINI”:

a ) è nata come espressione della identità religiosa e culturale della Comunità locale, che ha inteso assumersi spontaneamente l’impegno di soddisfare un’esigenza sociale quale l’educazione prescolare;

b )   non persegue fini di lucro;

c ) intende, nel rispetto dei primari diritti e doveri dei genitori di educare i loro figli, attuare la sua proposta educativa (cfr. lettera a) collaborando con i genitori e le insegnanti;

d )   considera la qualificazione e l’aggiornamento del proprio personale, condizione fondamentale dell’impegno educativo.

 

Art 2

a )   La scuola accoglie i bambini dai tre ai sei anni di età e attua ogni anno un piano didattico-educativo secondo gli orientamenti ministeriali.

La scuola funziona dal 05 settembre al 30 giugno di ogni anno con il seguente orario:

INGRESSO: dalle ore 9.00 alle ore 9.15

USCITA:       dalle ore 15.45 alle ore 16.00

SI PREGA VIVAMENTE DI ATTENERSI ALL’ORARIO STABILITO.

Il sabato è vacanza; le altre vacanze dell’anno sono regolate dal calendario scolastico.

b ) Ai fini della regolamentazione delle richieste di entrata/uscita anticipata/posticipata dei bambini della scuola dell’infanzia, si precisa quanto segue:  

i genitori sono tenuti ad osservare scrupolosamente gli orari di entrata e di uscita dei bambini dalla scuola; tuttavia in presenza di particolari situazioni di necessità, il genitore potrà presentare richiesta di modifica dell’orario utilizzando un apposito modulo.

Si specifica inoltre che per particolari situazioni di necessità si intendono, di norma: le visite mediche, terapie fisiche o vaccinazioni.

USCITA PER VISITA MEDICA

Per motivi di salute (visita medica, esami clinici comprovati da certificato), il bambino può entrare o uscire con orari modificati. Il bambino può entrare in ritardo dopo la visita medica, previo preavviso, entro l’orario del pasto (ore 11,30) o tra le 13,00 e le 13,15 avendo già consumato il pranzo. Oppure per lo stesso motivo può uscire dalle ore 13,00 alle ore 13,15.

USCITE PER TERAPIA

Per quanto riguarda i bambini per i quali è richiesta una terapia (logopedia, fisioterapia, psicomotricità, ecc.); i bambini potranno uscire dalla scuola e rientrare a seguito di una richiesta scritta della famiglia, corredata da una attestazione in cui siano specificati giorni e orari della terapia, redatta dalla struttura in cui viene affettuata.

c ) La scuola accoglie i bambini diversamente abili i cui genitori ne facciano richiesta, previ accordi con i competenti Organi ed Enti Pubblici al fine di ottenere il personale specializzato di appoggio ed i mezzi per un reale e positivo inserimento.

d ) organizza il servizio del pre e post scuola sia prima che dopo l’orario scolastico (ore 7:30 – 9:00 ore 16:00 – 17:45) affidandone il compito a personale appositamente incaricato.

e )   I bambini potranno lasciare la scuola dell’Infanzia solamente con le persone maggiorenni espressamente elencate nel modulo d’iscrizione. In casi eccezionali potranno essere affidati anche a persone minorenni ma, solo se espressamente autorizzate da entrambi i genitori.

f   ) La scuola è sottoposta alla vigilanza igienico sanitaria della competente autorità sanitaria.

 

Art. 3

La domanda di iscrizione:

a ) si effettua presso la segreteria durante il mese di Gennaio. Sono ammessi alla scuola dell’infanzia i bambini di ambo i sessi che abbiano compiuto tre anni o che li compiranno entro il 31 dicembre dell’anno in corso e che non abbiano ancora raggiunto l’età per l’iscrizione alla scuola elementare.

b ) verrà accettata seguendo l’ordine di presentazione delle domande di iscrizione e secondo le seguenti priorità:

– bambini residenti nel comune e/o nella parrocchia di San Giorgio su Legnano segnalati dai servizi sociali

– bambini che abbiano un fratello o una sorella frequentante la scuola dell’infanzia

– bambini di cinque anni d’età

– bambini i cui genitori lavorano entrambi

– bambini non residenti ma che hanno i nonni residenti a San Giorgio su Legnano

– bambini diversamente abili (con diagnosi funzionale),   anno priorità.

c ) richiede il versamento di un importo a parziale copertura del materiale didattico. Per i nuovi iscritti è richiesto il pagamento anticipato della retta di settembre.

d )   impegna i genitori a versare la retta mensile secondo

le modalità fissate di anno in anno dall’Amministrazione della Scuola. La retta va versata anticipatamente entro il 10 del mese di riferimento, anche in caso di assenza del bambino, col pagamento tramite R.I.D (riscossione automatizzata della retta mediante addebito pre-autorizzato sul contro corrente).

In caso di mancato pagamento entro il termine sopra indicato, la scuola provvederà a mettere in mora i genitori del bambino a mezzo di lettera raccomandata. Ove la morosità persista anche dopo la comunicazione di cui sopra, la Scuola avrà facoltà di interrompere immediatamente la frequenza del bambino da ogni attività riservandosi di richiedere le rette maturate non pagate. Il mancato pagamento di una sola retta comporterà l’annullamento dell’ iscrizione effettuata per l’anno scolastico successivo.

 

Art. 4

Le famiglie sono tenute ad assicurare la regolare frequenza degli alunni.

Le assenze per malattia superiori a 5 giorni consecutivi (compreso sabato e domenica) devono essere giustificate con autocertificazione. All’insorgere di una malattia infettiva o di altri episodi trasmissibili per contatto, è dovere della famiglia darne immediato avviso alla direzione affinché siano messe in atto misure profilattiche a vantaggio dei bambini frequentanti. Si ricorda che per le comuni forme epidemiche proprie dell’età infantile, si dovranno osservare, salvo diverso parere del medico, i seguenti giorni di assenza: Rosolia 5gg. – Parotite 15gg. – Morbillo 7gg. – Varicella 7gg. – Scarlattina 10 gg. – Pertosse 10 gg. – Epatite 10 gg.

Nel caso in cui il bambino si assenti per un mese intero oppure le sue presenze in un mese non superino i 10 giorni, l’importo della retta del mese successivo subirà una riduzione come deliberato dal Consiglio di Amministrazione.

Un eventuale ritiro del bambino dalla scuola materna dovrà essere comunicato tempestivamente alla Direttrice ed il pagamento della retta sarà sospeso dal mese successivo.

 

Art. 5

Per la somministrazione dei farmaci si rimanda al protocollo dell’ASL presente in segretaria.

 

Art. 6

La responsabilità civile connessa al servizio scolastico, è coperta dall’assicurazione regionale e da assicurazioni complementari appositamente stipulate dall’Amministrazione della Scuola.

In caso di infortunio l’insegnante o la Direttrice chiamerà immediatamente la famiglia a cui affida l’alunno e contestualmente denuncerà l’evento. La famiglia, se necessario, accompagnerà il bambino al Pronto Soccorso o dal medico curante e consegnerà alla Scuola la documentazione clinica in cui compaiano diagnosi e prognosi, entro e non oltre il terzo giorno dall’evento.

 

Art. 7

La Scuola dell’Infanzia fornisce la refezione conforme­mente ad apposita tabella approvata dalla competente autorità sanitaria e gli utenti sono tenuti a conformarsi al menù stabilito. Deroghe e diete particolari sono ammesse solo per motivi di salute (intolleranze alimentari, allergie ecc.) dietro presentazione del certificato medico. In caso di esigenze temporare e motivate, è possibile richiedere una variazione del menù del giorno comunicandolo al mattino al personale addetto all’ordinazione dei pasti.

Nel rispetto di altre religioni è vigente un menù alternativo al quale adeguarsi.

 

Art. 8

Dolciumi

In occasione di feste e compleanni non si possono portare alimenti confezionati in casa ma solo prodotti acquistati che portino l’etichetta con tutti gli ingredienti in essi contenuti.

 

Art. 9

a ) Principi generali.

 

Il personale è assunto secondo le leggi vigenti in materia. Nella scuola operano la Direttrice, il personale docente e non docente.

Il rapporto di lavoro del personale è regolato dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i di­pendenti delle Scuole dell’Infanzia aderenti alla FISM.

All’atto dell’assunzione il personale direttivo, docente e non docente dichiara di accettare, senza riserve, di cooperare al raggiungimento delle finalità educative specificate nel Progetto Educativo e nel Pof e di essere a conoscenza di quanto previsto dal CCNL citato.

La Scuola dell’Infanzia dispone di personale provvisto dei requisiti necessari per le attività che svolge.

Alcune mansioni o le saltuarie attività didattiche destinate a cooperare pedagogicamente possono essere compiute anche da personale volontario in possesso dei necessari requisiti.

Poiché ogni attività della scuola è finalizzata allo scopo educativo, l’operatore scolastico, pur nel rispetto dei suoi compiti specifici, non può esimersi da un servizio necessario all’alunno stesso.

 

b ) La Direttrice:

è responsabile del funzionamento della Scuola per quanto riguarda l’ordinamento interno ed il buon andamento generale;

coordina l’attività didattica e provvede alle spese genericamente indicate dall’amministrazione della scuola, alla conservazione del materiale didattico e di arredamento;

controlla la regolarità dei documenti relativi agli alunni;

cura i rapporti con il personale docente e non docente e segnala all’amministrazione della scuola ogni necessità;

cura le riunioni del Consiglio d’Interclasse, del Collegio dei Docenti e della Commissione Mensa.

 

c )   Il Personale Docente:

deve essere in possesso dei requisiti di idoneità all’insegnamento nelle Scuole dell’Infanzia;

garantisce la didattica, fermi gli indirizzi programmatici della Scuola;

non può lasciare incustoditi gli alunni né attendere ad occupazioni estranee ai propri doveri né interrompere o abbandonare il servizio o far riportare a casa gli alunni senza autorizzazione della Direttrice;

deve tempestivamente avvertire la Direttrice della sua assenza per malattia, per impreviste cause di forza maggiore, per partecipazione a eventuali scioperi;

è responsabile dell’integrità morale e fisica degli alunni della sezione affidata;

non deve far partecipare gli alunni e le loro famiglie a sottoscrizioni, contribuzioni, manifestazioni di qualsiasi genere, senza la preventiva autorizzazione della Direttrice;

deve compilare il registro degli alunni, e redigere la opportune note di cronaca scolastica;

deve partecipare alle riunioni degli organi collegiali della scuola, previsti dal presente regolamento;

– collabora con i competenti organi sanitari per quanto riguarda la vigilanza sullo stato di salute degli alunni.

 

d ) Il personale non docente:

– deve cooperare all’azione educativa coadiuvando il personale docente;

– Ha cura dell’igiene personale dell’alunno;

predispone l’occorrente per la refezione, per il riposo degli alunni, per le attività libere e programmate, provvedendo al riordino dell’ambiente;

cura l’ordine, la pulizia, il decoro ed il riordino generale senza differenziare il proprio lavoro, seguendo scrupolosamente le norme fissate dall’Autorità Sanitaria e dalla Direttrice;

deve tempestivamente avvertire la Direttrice della sua assenza, per malattia, per imprevista cause di forza maggiore, per partecipazione a eventuali scioperi.

 

e ) Il personale di cucina

cura l’ordine e la pulizia della cucina e dei locali annessi seguendo le norme fissate dall’Autorità Sanitaria e dalla Direttrice;

deve tempestivamente avvertire la Direttrice della sua assenza per malattia, per impreviste causa di forza maggiore, per partecipazione a eventuali scioperi.

 

Art. 10

Gli organi Collegiali della Scuola

sono i seguenti:

 

IL CONSIGLIO DI INTERCLASSE

L’ASSEMBLEA DI SEZIONE

– IL COLLEGIO DEI DOCENTI

– LA COMMISSIONE MENSA

 

Art. 11

IL CONSIGLIO DI INTERCLASSE si compone:

a ) di un rappresentante dei genitori degli alunni iscritti ad ogni sezione eletto tra i genitori della stessa classe;

   – dalla Direttrice della Scuola dell’Infanzia;

   – dai docenti della Scuola dell’Infanzia;

b )   è presieduto dalla Direttrice.

c )  dura in carica un anno;

d ) ammette alle proprie riunioni la presenza soltanto dei suoi componenti;

f )  formula proposte in merito alle attività all’interno della Scuola dell’Infanzia.

 

Art. 12

L’Assemblea di Sezione

a ) è composta dall’insegnante della Sezione e dai genitori degli alunni della stessa Sezione;

b ) è convocata dalla Direttrice o dal rappresentante di classe previ accordi con la Direzione.

c ) si riunisce per trattare problemi inerenti la Sezione, presentare e discutere il programma dell’anno;

      – determinare i momenti e gli spazi della collaborazione diretta docente genitori

 

Art. 13

Il Collegio dei Docenti

a ) è costituito dalle insegnanti della Scuola dell’Infanzia e dalla Direttrice; 

b )   si riunisce almeno una volta al mese per:

      – concordare le mete del progetto didattico ed educativo, elaborato prima dell’inizio dell’anno scolastico;

      – confrontare i metodi e gli esiti del lavoro svolto;

      – studiare momenti e modi di collaborazione tra i docenti;

      – approfondire ed aggiornare la propria preparazione professionale, e scambiare esperienze.

 

Art. 14

Tutte le riunioni degli Organi Collegiali si svolgono in orario non coincidente con l’attività didattica. La Scuola dell’Infanzia resta a disposizione per tutte quelle riunioni che le diverse componenti decidono di realizzare nel rispetto di quanto contenuto nello Statuto della Scuola dell’Infanzia e nel presente Rego­lamento.

 

Art. 15

Il presente regolamento è stato revisionato dal Consiglio di Amministrazione. Settembre 2016